indagini ambientali

I SERVIZI E LE CONSULENZE DA NOI OFFERTE

EMISSIONI IN ATMOSFERA

La 626 Advice Srl tramite i propri tecnici effettua i prelievi, le analisi e la relazione tecnica relative alle emissioni in atmosfera secondo il D.Lgs 152/2006 ex 203/88, siamo in grado di offrire un servizio completo per le diverse tipologie di aziende Carrozzieri, Falegnami, Fabbri, e per tutte le aziende che producono emissioni in atmosfera. I servizi che offriamo sono: 

– Prelievo ed analisi Emissioni in atmosfera:
– Parametri: Pressione differenziale media, Temperatura, Velocità aria, Polveri totali, Flusso di massa, Alcool butilico, Xilene, Etilbenzene, Butil Acetato, Propil Benzene, Butossietanolo, SOV totali

– Richiesta di autorizzazione relative alle Emissioni in Atmosfera relativa a:
– Costruzione nuovo impianto;

– Modifica di impianto esistente già autorizzato;
– Trasferimento di impianto già autorizzato;
– Variazione di titolarità;
– Relazione tecnica sulle caratteristiche degli impianti e dei sistemi di abbattimento al servizio di ciascuna cabina di verniciatura o piano aspirante; calcolo teorico delle emissioni;
– Relazione sul tipo di prodotti vernicianti pronti all’uso che si utilizzano al giorno e all’anno, la percentuale di solventi in essi contenuta e la quantità di solventi usati all’anno;
– Provvederemo alla consegna della documentazione presso i vari organi di competenza: Amministrazione Provinciale Ass. Ambiente, Sindaco del Comune, ASL di competenza, ARPA LAZIO Sezione Provinciale di competenza;
– Polverosità Ambientale
– Valutazione del Rischio di Esposizione a polveri di legno con campionamento personale ed ambientale;
– Valutazione del Rischio di Esposizione a polveri di legno + vernici; campionamento ambientale e personale;
– Valutazione dell’’esposizione a fumi di saldatura, campionamento personale e ambientale con determinazione della concentrazione dei metalli;
– Valutazione della polverosità con campionamento ambientale;
– Campionamenti e determinazione di inquinanti su impianti termici e non (Polveri, S.O.V. CO, CO2, HC, NOX, SO2 , Silice, ecc.);
– Indagini Microclimatiche ( temperatura, umidità, velocità dell’aria, numero di ricambi d’aria, illuminamento ).

ANALISI ACQUA BATTERIOLOGICA E CHIMICA
(D. Lgs. 31/01 CONTROLLO MINIMO)

– Parametri: pH, Conducibilità, Durezza Totale, Colore, Odore, Sapore,Torbidità, Temperatura, Residuo Fisso, Ossidabilità Carica batterica totale 22°C

ANALISI ACQUA BATTERIOLOGICA E CHIMICA
(D. Lgs. 31/01 CONTROLLO COMPLETO

– Parametri: pH, Conducibilità, Durezza Totale,Colore, Odore, Sapore,Torbidità, Temperatura, Residuo Fisso, Ossidabilità, Ammoniaca, Nitriti, Nitrati, Cloruri, Solfati, Ferro, Arsenico, Fluoruri, Boro, Manganese, Calcio, Sodio, Potassio; Coliformi totali, Escherichia coli, Enterococchi, Carica batterica totale 22°C, Carica batterica totale 37°C, PseudomonasAeruginosa

ANALISI ACQUA SERVIZI IGIENICI

– Parametri: Coliformi Tot, Esherichia Coli, Enterococchi, CBT 22° C, Cloro Residuo (Se Usato) 

ANALISI ACQUE SORGIVE, SOTTERANEE E SUPERFICIALI

– Parametri: Arsenico, Azoto ammoniacale, Azoto nitrico, Azoto nitroso, Cadmio, Calcio, Cloro, Cloruri, Colore, Conduttività, Cromo, Durezza, Ferro, Fluoriri, Odore, Ossidabilità, ph, Piombo, Residuo fisso, Sapore, Solfato, Torbidità, Batteri coliformi a 37 °C, Clostridiumperfringens, Colonie su agar a 22°C, Colonie su agar a 37 °C, Escherichi coli, Pseudomonasaeruginosa, Stafilococchi patogeni, Stafilococchi fecali. 

ANALISI ACQUA DI PISCINA

– Parametri: Azoto nitrico, Cloro, Colore, Flocculanti (ferro), ph, Solidi grossolani, Solidi sospesi, Torbidità, Sostanze organiche (analisi al permanganato), Colonie su agar a 37 °c Enterococchi, Escherichiacoli, Pseudomonasaeruginosa, Stafilococchi patogeni. 

ANALISI REFLUI INDUSTRIALI
(D. Lgs. 152/06)

 Parametri:Aspetto, Colore, pH, Conducibilità, Materiali Grossolani, Materiali in Sospensione, B.O.D.5, C.O.D., Azoto Ammoniacale, Azoto Nitroso, Azoto Nitrico, Cloruri, Fosforo Totale, Tensioattivi, (MBAS), Oli Minerali, Idrocarburi, Grassi totali.

RICERCA METALLI PESANTI

– Parametri: Arsenico, Alluminio, Bario, Boro, Cadmio, Cromo Totale, Cromo VI, Ferro, Manganese, Nichel, Piombo, Rame, Stagno, Zinco

ANALISI FANGHI DI RISULTA DA DEPURATORE

– Parametri (a secco): umidità, cadmio, cromo VI, mercurio, piombo, rame, boro, cobalto, nichel, zinco, T.O.C., solventi alifatici, solventi aromatici.
– Parametri (eluato): cadmio, cromo VI, mercurio, piombo, rame, boro, nichel, zinco, cloruri, fluoruri, solfati, T.O.C.

ANALISI TERRE E ROCCE DA SCAVO
(art.186 D. Lgs. 152/06)

ANALISI TERRE DA COLTIVO
(tessitura, macro e micro elementi)

ANALISI INQUINANTI PRESENTI NEL TERRITORIO
(pesticidi, idrocarburi, inquinanti organici ed inorganici)

AMIANTO

La 626 Advice Srl è in grado di effettuare sopralluoghi nei luoghi di lavoro al fine di determinare il rilascio di fibre di amianto in ambiente di lavoro e per la predisposizione di un programma di controllo dei materiali presenti nell’insediamento produttivo. 
Con il termine Amianto o Asbesto si individuano una serie di minerali conosciuti sin dall’antichità per le loro caratteristiche fisiche e tecniche. I termini amianto e asbesto in greco significano incorruttibile, perpetuo ed inestinguibile e tali aggettivi denotano già alcune delle eccezionali caratteristiche tecniche di questo materiale. In natura esistono molti tipi di amianto, ma quelli maggiormente utilizzati sono :

 SERPENTINO: Crisotilo (amianto di colore bianco-grigio)
ANFIBOLI : Crocidolite (amianto di colore azzurro-blu), Amosite (amianto di colore bruno)

La pericolosità dell’amianto è dovuta, alla sua capacità di rilasciare fibre estremamente fini che possono essere inalate dall’uomo. Un aspetto particolarmente importante che caratterizza la loro pericolosità è la composizione di fibre (o fibrille) che, a causa della loro estrema leggerezza e sottigliezza, si disperdono nell’aria molto facilmente e vi permangono a lungo. In sostanza l’amianto è una fibra invisibile ad occhio nudo, molto leggera ed una volta liberata rimane a lungo sospesa nell’aria dell’ambiente, continuando a depositarsi per gravità ed a risollevarsi per spostamenti d’aria anche minimi. Il rilascio delle fibre è poi facilitato da un altro attributo dell’amianto: la friabilità
Infatti l’amianto, sia allo stato puro, come quello usato per la coibentazione, sia miscelato, come quello usato nei materiali di cementoamianto, si può sbriciolare sotto la semplice pressione delle dita per cui basta una modesta corrente d’aria perché le sue fibre si disperdano nell’ambiente e quindi costituiscano un rischio per chi le respira. Il monitoraggio ambientale tuttavia non può rappresentare da solo un criterio adatto per valutare il rilascio di fibre, in quanto consente essenzialmente di misurare la concentrazione delle stesse nell’aria al momento del campionamento, senza ottenere alcuna informazione sul pericolo che l’amianto possa deteriorarsi o essere danneggiato nel corso delle normali attività. 

Effettuiamo in collaborazione con laboratori Accreditati e Certificati le Analisi dei materiali contenenti Amianto in particolare: 
1.ESAME VISIVO:
– Friabilità del Materiale

– Presenza di crepe o rotture
– Affioramento di fibre in superficie 
– Presenza di materiale friabile in gronda 
– Presenza di polveri conglobate in stalattiti 
2.ESAME MICROSCOPICO MOCF
3.DETERMINAZIONE QUANTITATIVA DELLE POLVERI E FIBRE LIBERE

IMPATTO ACUSTICO – RISCHIO RUMORE

La 626 Advice Srl tramite i propri Tecnici Competenti in Acustica effettua le rilevazioni fonometriche sia finalizzate alla valutazione dei requisiti acustici delle sorgenti sonore che utilizzano impianti acustici di amplificazione e diffusione sonora all’interno dei locali, secondo quanto previsto dal DPCM 215 del 16/04/1999, sia la VALUTAZIONE di IMPATTO ACUSTICO DIURNO e/o NOTTURNO ai sensi del DPCM 14/11/1997 generato dalla immissione di rumore all’esterno provocato durante le fasi lavorative che avverranno all’interno dell’insediamento produttivo.
Siamo anche in grado di verificare, ai sensi dell’art. 4 del D.P.C.M. n. 215 del 16/04/1999, se l’impianto elettroacustico installato all’interno del locale ha le caratteristiche tecniche idonee a determinare il superamento dei Limiti Acustici di Pressione Sonora sia al chiuso che all’aperto, previsti dagli art. 1 – 2 del citato D.P.C.M. in :

  1. – LAcq = 95 dB(A)
  2. – LAS max = 102 dB(A) 

per i luoghi di pubblico spettacolo, intrattenimento danzante e per tutti gli altri esercizi pubblici.